BLOG ARTICOLO

Il Brasile è vicino al Programma di esenzione da visto?

Posted: Apr 10, 2018
Brasile-ESTA

In larga misura, il Brasile e gli Stati Uniti vogliono la stessa cosa: aumentare la quantità di turismo proveniente dall’altro paese.

Gli Stati Uniti hanno in atto un ampio programma di esenzione da visto, così come il Brasile. Tuttavia, nessuno dei due paesi è già incluso nel programma dell’altro. Invece, sono state prese una serie di misure per rendere più facile per i turisti fare questo viaggio transcontinentale.

Allora, qual è lo scenario qui? Prima di tutto, il turismo tra i due paesi è piuttosto elevato, ma si è visto un calo nell’ultimo anno. Ciò è in parte dovuto a problemi riscontrati nella parte brasiliana, vale a dire gli scandali politici e lo scoppio del virus Zika. Tuttavia, detto questo, i turisti brasiliani sono ancora tra i migliori spender negli Stati Uniti e il Brasile è ancora visto come una delle prime dieci destinazioni straniere per i turisti statunitensi.

L’anno scorso il Brasile ha ospitato i Giochi olimpici, il che gli ha dato un’opportunità senza pari per rafforzare ulteriormente il suo appeal internazionale e trascorrere un anno sotto i riflettori. Come molti di noi hanno visto, parti di questo hanno avuto un enorme successo e c’erano anche alcuni componenti che forse il Brasile avrebbe scelto di non raggiungere gli schermi globali. Ma tutto sommato, la nazione ha preso le mosse per sostenere il turismo e parte di ciò ha riguardato il semplificare la visita dei cittadini statunitensi.

Per un certo periodo dell’anno scorso, ai viaggiatori statunitensi è stato offerto un sistema simile a quello del proprio Programma di esenzione da visto, che va a beneficio dei cittadini di circa 38 paesi. I cittadini americani di solito devono richiedere un visto per visitare il Brasile come turisti, tuttavia questo requisito è stato temporaneamente cancellato, al fine di incoraggiare più persone a visitare il paese durante il periodo delle Olimpiadi e delle Paraolimpiadi. Pertanto, i cittadini americani che sono arrivati in Brasile tra giugno e settembre del 2016 hanno potuto viaggiare senza visto. Ciò si è rivelato un successo significativo ed è servito come precursore per un processo di domanda di visto semplificato, che è stato successivamente introdotto. Naturalmente una delle intenzioni principali era riempire gli stadi e portare la gente a guardare i giochi, ma ora il Brasile vuole mantenere questo flusso in arrivo.

Come accennato in precedenza, gli Stati Uniti gestiscono un Programma di esenzione da visto in base al quale i cittadini di 38 paesi possono presentare domanda di viaggio utilizzando il “Sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio” o “ESTA”. L’unico paese latinoamericano al momento coinvolto in questo programma è il Cile, in quanto soddisfa una serie abbastanza severa di requisiti per diventare membro. Nel frattempo, nell’altro emisfero, i cittadini di oltre 86 altri paesi sono esenti dal richiedere un visto turistico quando visitano il Brasile e ciò include tutti i cittadini degli Stati membri dell’Unione europea (come nel caso del Programma di esenzione da visto statunitense). In generale, queste politiche consentono ai turisti di rimanere nel paese per un massimo di 90 giorni alla volta, ma questo arco temporale è diverso per alcuni paesi e alcuni turisti sono limitati a 90 giorni per ogni periodo di 180 giorni o anno.

Come ci si potrebbe aspettare, ci sarebbe molta richiesta per ciascun paese di includere reciprocamente l’altro nel proprio programma di esenzione da visto, tuttavia ciò non è ancora stato stabilito. Invece, le due nazioni stanno entrando in quello che è noto come “accordo Open Skies”. L’obiettivo di un accordo Open Skies è quello di creare un mercato libero nel settore del trasporto aereo e viene creato tra due o più paesi.

Senza un accordo Open Skies, i diritti di atterraggio tra i due paesi sono limitati a un determinato numero di voli a settimana. In questo caso, significa che solo un numero ristretto di compagnie aeree statunitensi possono atterrare in Brasile e viceversa. Con la stipula di un accordo come questo, le compagnie aeree possono essere incentivate ad aumentare la capacità, aggiungendo voli più regolari. In questo caso, da circa sette anni sono in corso colloqui per far sì che ciò accada, quindi è un passo molto gradito nella giusta direzione.

Gli accordi Open Skies sono in realtà comuni: l’esempio migliore è quello tra l’Unione europea e gli Stati Uniti. Il loro accordo Open Skies è entrato in vigore nel 2008 e ha svolto un ruolo significativo nel facilitare i viaggi tra le due regioni. Ha inoltre rappresentato un importante cambiamento nella forma del turismo, consentendo a qualsiasi compagnia aerea di queste due regioni di volare tra qualsiasi luogo degli Stati Uniti e dell’Unione europea.

Ma cosa ci si può aspettare da un accordo Open Skies tra Stati Uniti e Brasile? A questo punto, è tutto un po’ teorico, ma possiamo osservare come gli effetti dell’accordo EU-U.S. si sono manifestati. In breve, l’accordo ha dato una forte spinta alla concorrenza transatlantica. Quando c’è concorrenza, generalmente è una buona notizia per i consumatori, poiché i prezzi tendono a diminuire. Negli ultimi anni abbiamo già assistito a una drastica riduzione dei prezzi tra Europa e Stati Uniti e questo fenomeno potrebbe essere dovuto in parte all’accordo Open Skies. E ora c’è una certa aspettativa che i prezzi continueranno a scendere, rendendo i viaggi transatlantici alla portata di un segmento più ampio della popolazione. Se l’accordo Open Skies tra Brasile e Stati Uniti riuscirà ad aumentare la concorrenza tra i fornitori di entrambi i paesi, questo potrebbe effettivamente abbassare i prezzi e stimolare l’industria del turismo in entrambi i paesi.

Da turista, la decisione di fare una vacanza è spesso influenzata dal prezzo. Pertanto, gli sforzi per aumentare la concorrenza sono chiaramente un passo positivo. Tuttavia, un altro fattore significativo che influenza la decisione è la semplicità, quindi stiamo parlando di documenti. Sapere di dover ottenere un visto per un paese quando un altro offre l’esenzione dal visto può sicuramente essere un ostacolo. Per questo motivo, il Brasile ha cercato di semplificare la richiesta di visto per i cittadini statunitensi.

L’anno scorso, il Brasile ha lanciato visti elettronici (E-Visa) per i cittadini di Stati Uniti, Giappone, Australia e Canada. Proprio come con la richiesta di esenzione da visto ESTA per gli Stati Uniti, la domanda viene effettuata interamente online e può essere completata in meno di venti minuti. Il visto ha la stessa validità di uno ottenuto da un’ambasciata o un consolato e diventa un’enorme semplificazione, che stimola il turismo. Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno ancora attuato una misura simile, quindi non vi è reciprocità in questo caso. La reciprocità è generalmente una componente chiave per la longevità di tali misure, tuttavia l’accordo Open Skies tra le due nazioni potrebbe essere un passo nella giusta direzione.

L’accordo Open Skies e l’uso del visto elettronico daranno probabilmente una spinta al turismo reciproco tra Brasile e Stati Uniti. Tuttavia, consentire al Brasile di aderire al Programma di esenzione da visto è potenzialmente una proposta molto più potente e potrebbe essere il prossimo grande passo per rafforzare il traffico turistico tra i due paesi.

Nel frattempo, i cittadini dei 38 paesi che partecipano al Programma di esenzione da visto possono visitare gli Stati Uniti usando l’ESTA. I richiedenti devono semplicemente compilare e inviare un modulo online; quindi, entro 24 ore, ricevono un’e-mail che li informa del loro stato di approvazione. L’ESTA consente ai viaggiatori di visitare gli Stati Uniti, da turisti o per lavoro, per periodi fino a 90 giorni alla volta. L’approvazione stessa è valida per due anni o fino alla scadenza del passaporto del richiedente, a seconda dell’evento che si verifica per primo. Ciò significa che è possibile visitare gli Stati Uniti quante volte si vuole durante questo periodo di due anni, a condizione di aderire alle condizioni del Programma di esenzione da visto. Il sistema di domanda di esenzione da visto rappresenta un’alternativa altamente preferibile alla richiesta di un visto per affari o turismo tramite un’ambasciata o un consolato degli Stati Uniti, che tradizionalmente comporta costi elevati e lunghi tempi di attesa.

Qualsiasi cittadino di un paese che partecipa al Programma di esenzione da visto ha diritto a richiedere l’ESTA, che ha un tasso di approvazione molto alto. Tuttavia, non è così facile per i paesi diventare membri del Programma, motivo per cui il Brasile non è ancora in grado di godere dei suoi benefici. Tuttavia, nei suoi attuali sforzi per rendere il turismo più facile, soprattutto verso i turisti statunitensi, forse ora il paese sta aprendo la strada alla sua ammissibilità.