BLOG ARTICOLO

Che cos’è un vettore firmatario del VWP

Posted: Nov 14, 2017
ESTA Carrier

Come sai già, i cittadini di circa 38 paesi possono richiedere l’ESTA, che evita la necessità di un visto per recarsi negli Stati Uniti. L’Italia è uno di questi paesi e questo semplifica notevolmente il viaggio negli Stati Uniti per molti dei suoi cittadini.

L’ESTA – il sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio –fa parte del programma di esenzione da visto, che consente a determinati viaggiatori di visitare gli Stati Uniti senza visto, a condizione che stiano viaggiando a scopo di lavoro o turismo. Tuttavia, dietro le quinte, anche le compagnie aeree devono fare richiesta di adesione al programma di esenzione da visto. Il processo è molto diverso, ma è fondamentale per capire come funziona la tua ESTA e cosa significa per te quando prenoti un volo.

La prima cosa importante da capire è che chiunque può prenotare un volo, con o senza visto o un’ESTA. La compagnia aerea effettuerà felicemente l’addebito e ti comunicherà il tuo itinerario, ma questo non significa che tu sia autorizzato a visitare gli Stati Uniti o addirittura a salire sull’aereo. È abbastanza comune tra i viaggiatori prenotare i loro voli prima di ordinare la loro autorizzazione di viaggio; ad esempio, un datore di lavoro potrebbe avere bisogno che un dipendente partecipi ad una conferenza dell’ultimo minuto negli Stati Uniti. In questo caso, può prenotare il volo per conto del dipendente e poi informare il viaggiatore su come ottenere un’ESTA. Questo va assolutamente bene, tuttavia è spesso una buona idea organizzare la tua ESTA prima di prenotare il volo, per tutelarti nel caso in cui essa sia negata e tu debba effettuare il tradizionale processo di domanda di visto.

Ma, tornando al punto, la tua compagnia aerea può rilasciare un biglietto senza conoscere il tuo status di autorizzazione di viaggio negli Stati Uniti. Tuttavia, prima di emettere la tua carta d’imbarco, deve assicurarsi che tu abbia l’autorizzazione a recarti negli Stati Uniti. Ciò significa che è responsabile di assicurarsi che tu abbia un’ESTA o un visto valido prima di consentirti l’imbarco sull’aereo. Molto semplicemente, se non hai un’autorizzazione di viaggio, la compagnia non ti darà la carta d’imbarco.

Questo obbligo è valido per le compagnie aeree che hanno scelto di diventare “vettori firmatari del VWP”. Le compagnie aeree non sono obbligate a stipulare questo accordo, ma quelle che non lo fanno non sono autorizzate a trasportare passeggeri che viaggiano da alcuni paesi verso gli Stati Uniti. Ovviamente, per questo motivo, è nell’interesse delle compagnie aeree stipulare questo accordo.

Affinché una compagnia aerea possa diventare vettore firmatario del VWP il processo è abbastanza semplice (come lo è per i privati che richiedono l’ESTA). Tuttavia, fare ciò significa che questi vettori, o compagnie aeree, devono accettare determinati obblighi e sono soggetti a sanzioni se non vi adempiono. Soprattutto, i vettori firmatari del VWP ricevono una sanzione se trasportano viaggiatori che necessitano di un’autorizzazione ESTA ma non ne sono in possesso. In particolare, l’accordo stabilisce che i viaggiatori devono avere l’autorizzazione ESTA “prima di imbarcarsi su un vettore per viaggiare negli Stati Uniti”.

Inoltre, quando opera con il programma di esenzione da visto, il vettore è responsabile di garantire che il passeggero che viaggia con l’autorizzazione ESTA lasci effettivamente gli USA. Viste le condizioni del programma di esenzione da visto, questo deve avvenire entro 90 giorni dall’arrivo. A causa di motivi di responsabilità, ciò può impedire ad alcuni operatori di partecipare al programma, tuttavia questo non è comune.

Allo stesso modo, il vettore accetta di riportare il passeggero all’aeroporto di partenza se gli viene negato l’ingresso negli Stati Uniti. Per capire questo, devi sapere che l’ESTA non è una “decisione di ammissibilità”, ma semplicemente consente al viaggiatore di imbarcarsi su un aereo che va negli Stati Uniti. All’arrivo, spetta a un agente della polizia di frontiera decidere se concedere o meno l’ingresso del viaggiatore negli Stati Uniti.

Pertanto, l’ESTA di per sé non garantisce l’ingresso negli Stati Uniti. Quando arrivi ad un porto di ingresso, l’agente potrà vedere che hai un’ESTA approvata e probabilmente ti farà un paio di domande prima di concederti l’ingresso. In genere, questo serve solo per assicurarsi che tu sei stato sincero nella domanda ESTA, che non stai cercando di lavorare negli Stati Uniti, che hai una data di ritorno o un motivo forte per tornare a casa, ecc. A prima vista questo può sembrare un po’ intimidatorio, ma è una procedura perfettamente normale per il tuo viaggio negli Stati Uniti ed è sempre nell’interesse della sicurezza nazionale.

Quindi, sotto questo aspetto, il programma di esenzione da visto ha un legame molto stretto con le compagnie aeree. Una delle condizioni è che i vettori sono obbligati a riportare i passeggeri al loro punto di partenza se il loro ingresso è stato respinto. Questo è un obbligo abbastanza importante per le compagnie aeree, poiché devono farlo “sui primi mezzi di trasporto disponibili verso il punto di partenza estero del viaggio negli Stati Uniti”. Ad esempio, se vai da Roma a JFK con il programma di esenzione da visto e un agente della polizia di frontiera respinge il tuo ingresso negli USA, la tua compagnia aerea dovrà imbarcarti sul suo prossimo volo da JFK a Roma, a proprie spese.

Ciò si applica anche se il titolare dell’ESTA supera il periodo di ammissione di 90 giorni del programma di esenzione da visto. Se le autorità statunitensi rilevano che un titolare di ESTA non ha più il diritto di rimanere negli Stati Uniti, la compagnia aerea che lo ha portato nel paese deve imbarcarlo sul volo successivo per il suo punto di partenza. In altre parole, la compagnia aerea è interamente responsabile del trasporto a casa del titolare, senza nessuna spesa per gli Stati Uniti.

 

Che cosa significa ciò per i passeggeri?

Come abbiamo stabilito, devi avere l’autorizzazione ESTA prima di imbarcarti su un aereo per gli Stati Uniti (o un visto, se necessario). Per rendere tutto il più regolare possibile, può essere utile stampare l’e-mail di approvazione dell’ESTA una volta ricevuta. Infatti, alcune compagnie aeree ti chiedono di farlo, quindi se hai qualche dubbio verifica. Tuttavia, le compagnie aeree dovrebbero essere in grado di vedere che hai un’ESTA approvata quando scansionano il tuo passaporto, poiché le due cose sono collegate digitalmente.

Se per qualsiasi motivo non disponi dell’autorizzazione ESTA quando vai all’aeroporto, la tua compagnia aerea non ti permetterà di accedere all’aereo. Tuttavia, dato che il processo di richiesta dell’ESTA avviene interamente online e generalmente è molto veloce, puoi riuscire ancora a compilare una richiesta online. In questo caso, non ci sono garanzie che otterrai l’autorizzazione in tempo per il tuo volo, ma in alcuni casi può succedere.

Se hai un biglietto di sola andata per gli Stati Uniti, la compagnia aerea potrebbe anche insistere affinché tu acquisti un volo di ritorno o fornisca la prova del viaggio successivo. Questo avviene perché, come abbiamo visto in precedenza, essa è anche responsabile di assicurarsi che tu non supererai il periodo di ammissione dell’ESTA di 90 giorni e potrebbe avere la necessità di tutelarsi affinché non ci sia possibilità che ciò accada.

 

Aerei privati

Nella maggior parte dei casi, quando ti rechi negli Stati Uniti utilizzerai una compagnia aerea commerciale. In questo caso, quasi certamente sarà approvata come vettore firmatario del VWP. Se hai dei dubbi, puoi sempre verificare sul sito web della compagnia aerea.

Tuttavia, la situazione può essere diversa quando viaggi con il jet privato. Essenzialmente le regole sono le stesse, tuttavia l’aereo deve appartenere ad una società statunitense o ad un operatore non statunitense con una filiale negli Stati Uniti. Diversamente, l’aereo potrà soltanto operare commercialmente. Se l’aereo soddisfa questi requisiti, l’operatore può richiedere di diventare un vettore firmatario del VWP, come qualsiasi compagnia aerea commerciale, con le stesse condizioni e requisiti.

Se ti rechi negli Stati Uniti con un aereo privato, puoi verificare con l’operatore se puoi viaggiare o meno con l’ESTA secondo il programma di esenzione da visto. L’accordo del vettore firmatario viene rinnovato ogni sette anni, per cui gli operatori privati che raramente si recano negli USA dovranno tenere conto di ciò.

 

Non dimenticare...

Come abbiamo accennato all’inizio, tutto ciò che ha a che fare con l’essere un vettore firmatario del VWP fondamentalmente avviene dietro le quinte, ma dovrebbe sottolineare quanto sia importante richiedere in anticipo l’ESTA online e sicuramente prima di arrivare all’aeroporto. Ricorda: tutto ciò che ti serve per richiedere l’ESTA online è un passaporto valido e un metodo di pagamento. Una volta approvata, la tua ESTA ti permetterà di recarti negli Stati Uniti, per motivi di affari o turismo, per periodi fino a 90 giorni alla volta. La tua ESTA scadrà dopo due anni o ogni volta che il tuo passaporto scade (in base a quale evento si verifica per primo).

 

Buon viaggio!