BLOG ARTICOLO

Come gestire un Black Friday Americano con l’ESTA

Posted: Nov 15, 2018
ESTA-USA-Holidays

Pochi eventi così attesi hanno un nome così oscuro e minaccioso come il Black Friday. Black Friday è il nome dato in modo informale al giorno successivo al Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti (il quarto giovedì di novembre). Il Black Friday è stato considerato l’inizio della stagione dello shopping natalizio negli Stati Uniti dal 1952, ma il termine “Black Friday” è stato ampiamente riconosciuto e utilizzato nei primi anni 2000.

 

Grazie al Programma di esenzione da visto, i cittadini dei paesi membri possono richiedere l’ESTA online e visitare gli Stati Uniti appena in tempo per riempire i sacchetti nella giornata di shopping più grande del mondo.

 

Il Black Friday offre incredibili offerte agli acquirenti in tutto il paese e, nonostante la fatica post-Ringraziamento, la maggior parte delle famiglie si sveglia presto per fare la maggior parte dei loro acquisti natalizi. Infatti, molti dei principali centri commerciali apriranno molto presto questo giorno, a volte già nelle ore notturne. Anche se il Black Friday non è una festa ufficiale, la California e alcuni altri stati hanno iniziato a osservare “Il giorno dopo il Ringraziamento” come una festività per i dipendenti del governo statale, sostituendo a volte un’altra festività federale, come il Giorno di Colombo. Molti dipendenti e scuole in tutto il paese non lavorano né per il Ringraziamento né il venerdì successivo, che si collega al weekend, rendendolo un weekend di quattro giorni e l’occasione perfetta per fare shopping.

 

Sono nati molti miti urbani riguardanti l’etimologia del termine “Black Friday”. Ma la prima prova storica della frase Black Friday legata al giorno dopo il Ringraziamento in un contesto di shopping si trova a Philadelphia. Il termine fu usato nel 1961 per descrivere il traffico pesante e dirompente, sia pedonale che automobilistico, che si verificò il giorno dopo il Ringraziamento quando le famiglie uscirono in massa per fare i loro acquisti. Una ventina di anni dopo il termine divenne più popolare e si affermò una spiegazione più colorita: il giorno rappresentava il periodo dell’anno in cui i negozi cominciavano a guadagnare profitto, ovvero le loro cifre passavano dall’essere “in rosso” all’essere “in nero”.

 

Il Black Friday è molto eccitante, ma ricorda anche il fatto che non sei l’unico là fuori a cercare di ottenere un buon affare. Per sfruttare al meglio il tuo shopping, ti offriamo i seguenti quattro suggerimenti, per assicurarti che la tua esperienza sia il più agevole possibile:

 

  1. Sii preparato. È una buona idea avere in mente (o ancora meglio, annotare) un elenco di ciò che vuoi comprare. Pianifica in anticipo, perché gli oggetti possono esaurirsi molto rapidamente. Non vuoi trascorrere la giornata alla ricerca dei tuoi prodotti in diversi negozi. Se stai cercando un tipo specifico di prodotto, fai prima una ricerca su alcuni dei diversi modelli e quanto costano. Ciò significa che se il modello esatto del prodotto desiderato non è disponibile, avrai comunque un piano B con opzioni di riserva tra cui scegliere.

  2. Chi prima arriva meglio alloggia! Se stavi pianificando di partecipare allo shopping del Black Friday nella tarda serata del 23 novembre, probabilmente tornerai a casa arrabbiato e a mani vuote. I negozi, in generale, iniziano a pubblicare i loro sconti a mezzanotte. Se vuoi essere un vero soldato, puoi prendere una tazza di caffè (o dieci) e prepararti per fare shopping a tarda notte. Ma perlomeno, metti la sveglia il prima possibile, per assicurarti di ottenere ciò che desideri.

  3. Se sembra troppo bello per essere vero.... Probabilmente lo è. Il Black Friday è un pozzo nero per i rivenditori scorretti per spingere prodotti di scarsa qualità basandosi su un prezzo scontato. Ti invitiamo a cercare ogni prodotto che vuoi acquistare prima di effettuare il pagamento. Una rapida ricerca su Google probabilmente chiarirà eventuali dubbi su un prodotto. Un altro ottimo modo per evitare di essere presi in giro è acquistare da rivenditori fidati e non pagare in contanti ma con la carta di debito/credito o PayPal. Se le cose andranno male, sarai in grado di reclamare i tuoi soldi se il tuo nuovo eccitante tostapane dovesse esplodere entro una settimana.

  4. Un cent risparmiato è un cent guadagnato. Sappiamo quanto sia difficile, ma hai fatto una lista e dovresti provare ad attenervisi! Non andare a fare la spesa con la fame è un’ottima idea e la stessa cosa si applica qui. Ovviamente il Black Friday è un grande giorno per fare shopping, ma non è necessario acquistare un sacco di oggetti che finiranno per raccogliere polvere. Ovviamente potresti imbatterti in qualcosa che non è nella lista ma di cui hai bisogno ed è offerto ad un prezzo fantastico; in questo caso, non ti fermeremo! Ma nel complesso, è meglio attenersi il più possibile alla lista.

 

Sebbene quasi ogni paese sviluppato abbia ora adottato, in un modo o nell’altro, il festeggiamento del Black Friday, non c’è forse un posto migliore nel mondo per fare shopping che gli Stati Uniti. Questo periodo dell’anno generalmente non è alta stagione, quindi se hai la possibilità di prendere una pausa dal lavoro o dalla scuola, cerca online le offerte di volo e alloggio per te e la tua famiglia. Se ti capita di essere nel paese in questo periodo dell’anno, vale assolutamente la pena di affrontare le masse di acquirenti affamati per accaparrarsi le migliori offerte per i regali di Natale per la famiglia e le persone care. Se acquisti componenti elettronici, tieni presente che la spina sarà diversa e ti servirà un adattatore; inoltre, alcuni dispositivi potrebbero utilizzare un voltaggio diverso. Gli articoli che non sono a doppio voltaggio possono essere usati in Europa, ma è necessario acquistare un costoso convertitore di voltaggio e il grande affare ottenuto improvvisamente non sarà più un vero affare.

 

A proposito di cose da pianificare in anticipo, dovresti assicurarti che i documenti di viaggio siano validi, non solo il tuo passaporto, ma anche il tuo visto o la tua ESTA, se vieni da un paese membro per l’ESTA. E dal momento che sei già un cacciatore d’affari, ti suggeriamo di optare per l’ESTA, se sei adatto per l’esenzione dal visto.

 

Il consiglio del governo degli Stati Uniti, se desideri evitare problemi inutili, è di inviare la richiesta di autorizzazione ESTA almeno tre giorni (72 ore) prima del viaggio negli Stati Uniti. Tuttavia, il modo più semplice e sicuro per garantire un ingresso senza intoppi è quello di inviare la tua richiesta non appena hai acquistato i biglietti aerei; in questo modo non ti dimenticherai di farlo e avrai tempo per prendere altre misure se la tua ESTA viene rifiutata. Sebbene la richiesta di esenzione dal visto ESTA non sia un requisito siccome i viaggiatori hanno altre scelte se vogliono entrare negli Stati Uniti, le alternative sono processi significativamente più lunghi e complessi, che prevedono di recarsi presso l’Ambasciata o il Consolato degli Stati Uniti più vicini. La richiesta ESTA viene effettuata esclusivamente online, dal comfort di casa tua, in pochi minuti.

 

Presta attenzione al fatto che la tua autorizzazione ESTA sarà valida per un massimo di due anni. Tuttavia, se ti viene rilasciato un nuovo passaporto prima della scadenza dell’ESTA o se cambi il tuo nome o la tua cittadinanza, dovrai rifare la richiesta prima di tornare negli Stati Uniti. L’ESTA non è legata alla tua identità ma al tuo passaporto.

 

Tieni presente che la quantità di tempo per visitare gli Stati Uniti è limitata a 90 giorni alla volta, anche se la durata è di due anni. La durata di soggiorno per ogni viaggio non può essere estesa. Ovviamente puoi viaggiare per lunghi periodi negli Stati Uniti, per studi, affari o altro, ma in questo caso dovrai richiedere il visto corrispondente.

 

Se per qualsiasi ragione superi il limite di 90 giorni della tua ESTA, tieni presente che probabilmente la prossima volta che viaggi negli Stati Uniti nell’ambito del Programma di esenzione dal visto ti verrà rifiutata l’entrata. Assicurati di rispettare questo limite per evitare problemi e se pensi di voler prolungare i tuoi viaggi o ti verrà richiesto di rimanere più a lungo, devi richiedere un visto prima di visitare il paese, poiché l’ESTA non può essere sostituita con un visto una volta che sei già negli Stati Uniti.