BLOG ARTICOLO

La necessità di un’ESTA se si fa soltanto scalo negli Stati Uniti.

Posted: Jan 09, 2018
VWP Layover

L’ESTA è una forma di autorizzazione di viaggio che consente ai cittadini di alcuni paesi di recarsi negli Stati Uniti senza la necessità di un visto. Nello specifico, questi paesi sono noti come paesi membri del “Programma di esenzione da visto” e attualmente ammontano a 38 paesi in tutto il mondo.

Lo scopo principale dell’ESTA è quello di consentire ai viaggiatori di visitare gli Stati Uniti per turismo o per lavoro senza la necessità di svolgere i complessi procedimenti di una domanda di visto. Questo perché i viaggiatori sono in qualche modo soggetti ad un pre-screening prima ancora di salire su un aereo. Ciò è importante, poiché semplifica il processo di pianificazione del viaggio per milioni di viaggiatori e aumenta il turismo e gli scambi commerciali tra gli Stati Uniti e le sue controparti internazionali.

L’ESTA è un ottimo strumento e nel complesso il suo utilizzo è semplice e facile. Tuttavia, ci sono ancora alcuni aspetti che causano confusione tra i viaggiatori, motivo per cui vogliamo chiarire eventuali dubbi o incertezze prima della partenza per gli Stati Uniti. Oggi, ciò di cui ci occuperemo è la necessità di un’ESTA se si fa soltanto scalo negli Stati Uniti.

Quando parliamo fare scalo negli Stati Uniti intendiamo avere un volo in coincidenza per andare in un’altra destinazione e che il tempo di permanenza negli Stati Uniti è semplicemente una sosta. Ogni paese ha diversi sistemi in questo senso, motivo per cui molte persone non sono sicure di come funzioni. Se hai già fatto scalo in un paese che di solito richiede un visto ma data la natura della tua breve visita non hai dovuto richiederne uno, allora potresti essere propenso a pensare che questo sistema viene adottato anche dagli Stati Uniti.

Questo non è vero. Il fatto è che tutti quelli che scendono da un aereo sul suolo statunitense devono avere una qualche autorizzazione di viaggio. Se hai già un visto o un’ESTA dai viaggi precedenti, allora va bene. In caso contrario, dovrai richiedere l’ESTA online per lo scalo negli Stati Uniti, a condizione che tu sia cittadino di un paese membro del Programma di esenzione da visto, come l’Italia. Dato che l’ESTA è l’autorizzazione di viaggio più semplice da richiedere e anche la più economica e veloce, questa è la scelta migliore per te. Purtroppo non è possibile volare negli Stati Uniti senza un’autorizzazione preventiva, né puoi evitare le tasse dell’ESTA nonostante il brevissimo periodo di tempo che trascorrerai effettivamente nel paese.

La ragione dietro a ciò è che la legge degli Stati Uniti impone a tutti i passeggeri di sbarcare al loro primo aeroporto o porto di scalo. Generalmente, ogni volta che fai uno scalo, questo significa scendere dall’aereo e imbarcarsi su un altro aereo, tuttavia era più comune che le persone rimanessero sull’aereo, che poi si dirigeva verso la destinazione successiva. In ogni caso, ciò è importante perché i passeggeri devono passare attraverso l’immigrazione degli Stati Uniti, ritirare tutti i loro bagagli registrati, passare la dogana e poi procedere al check-in per il loro volo successivo tramite il banco dei transiti. A sua volta, ciò significa che devi di nuovo effettuare il check-in del bagaglio e seguire le stesse procedure quando raggiungi la tua destinazione finale.

Potresti comunque chiederti perché questo significa che devi avere l’autorizzazione di viaggio per stare negli Stati Uniti per uno scalo. Ciò dipende da in quale posto dell’aeroporto starai... Se in passato hai già fatto uno scalo dove non puoi uscire dall’aeroporto, significa che sei rimasto sempre “lato aria” (ovvero la zona dell’aeroporto dove si trovano i gate, passati i controlli di sicurezza). Se rimani lato aria, non c’è motivo per cui tu debba avere l’autorizzazione di viaggio per rimanevi. Tuttavia, quando attraversi il controllo passaporti e la dogana e hai ritirato il bagaglio, puoi arrivare al “lato terra” (ovvero l’area pre-sicurezza in cui chiunque può arrivare). Essendo un requisito legale che i viaggiatori effettuino questo processo quando arrivano negli Stati Uniti, ciò significa che tutti i viaggiatori potrebbero tecnicamente andare lato terra e poi successivamente rimanere nel paese. E se c’è qualche possibilità per i passeggeri di rimanere lato terra, allora devono essere sottoposti a un processo di verifica preventiva.

Infatti, essendo un requisito legale che chiunque si imbarchi su un aereo per gli Stati Uniti ottenga un’autorizzazione di viaggio, nella pratica non ti sarà possibile salire sull’aereo se non ne hai una. Le compagnie aeree stesse devono effettivamente presentare domanda per trasportare i titolari di un’ESTA negli Stati Uniti e sono in vigore sanzioni se non riescono a verificare in anticipo la validità delle autorizzazioni. Inoltre, se trasportano viaggiatori privi di documenti, sono obbligate per legge a riportarli a casa sul prossimo volo in partenza. Ovviamente, ciò comporta un costo e un inconveniente per la compagnia aerea. Questo è positivo per te, per due motivi: 1) ti impedisce di volare attraverso il mondo e tornare indietro se per qualsiasi motivo non hai l’autorizzazione di viaggio; e 2) significa che, se la tua compagnia aerea nota che non hai un’ESTA o un visto, ti dà una breve finestra di tempo per richiederla prima che l’aereo parta.

In quest’ultimo caso, ovviamente non è la situazione ideale, dato che la tua ESTA può richiedere fino a 24 ore per essere approvata e non c’è alcuna garanzia di ottenere l’approvazione. Tuttavia, vale sempre la pena provare, poiché la maggior parte delle domande ESTA vengono approvate e, normalmente, l’approvazione arriva quasi immediatamente al tuo indirizzo e-mail. Se hai una connessione Internet e una carta di debito o di credito con te, questo potrebbe salvarti la giornata.

E il nocciolo della questione è che una connessione Internet e una carta di debito o di credito sono tutto ciò che ti serve per richiedere l’ESTA (oltre al passaporto, ovviamente). La domanda in sé consiste in un breve modulo, la cui compilazione richiede circa dieci minuti. Il modulo contiene una serie di domande di sicurezza e ti chiederà di inviare i tuoi dati identificativi così come appaiono sul tuo passaporto. Per quanto riguarda il tuo passaporto, devi utilizzare lo stesso impiegato al momento della domanda ESTA. Questo è importante perché, per le persone con doppia nazionalità, la tua ESTA può essere utilizzata solo con il passaporto che hai utilizzato per la domanda. Ciò è anche importante perché la tua ESTA scade al momento della scadenza del tuo passaporto – se rinnovi il passaporto, dovrai richiedere una nuova ESTA, poiché alcuni dettagli del passaporto saranno cambiati (numero di passaporto e data di scadenza, almeno).

Quindi, per rispondere alla nostra domanda iniziale, effettivamente ti serve un’autorizzazione di viaggio e se questa non è un’ESTA allora dovrà essere un visto valido.

È anche importante ricordare che dovrai assicurarti di avere l’autorizzazione di viaggio appropriata per la tua destinazione finale. Solo il fatto di aver passato lo screening per gli Stati Uniti non significa che sei pre-autorizzato ad andare altrove. Per evitare sorprese assicurati di controllare in anticipo tutti i documenti per la tua destinazione. Se stai volando dall’Europa e gli USA sono un punto di scalo, allora la tua destinazione finale sarà presumibilmente in America. In generale, i processi per ottenere i visti vengono effettuati all’arrivo, ma questo non è sempre il caso, quindi informati a dovere.

Infine, non essere troppo infastidito dal dover ottenere un’ESTA solo per fare scalo negli Stati Uniti. Una volta ottenuta, rimane valida per due anni, offrendoti un’ottima scusa per tornare in un altro momento e sfruttare al massimo la tua ESTA, esplorando qualsiasi parte degli Stati Uniti o dei territori statunitensi.