BLOG ARTICOLO

Turismo eco-friendly negli Stati Uniti

Posted: Aug 01, 2015

I cambiamenti climatici sono ormai sotto gli occhi di tutti e sono, sempre più spesso, causa di enormi danni all’ambiente e di conseguenza all’uomo. L'idea che le attività umane siano responsabili della maggior parte dell'incremento del "riscaldamento globale" è ormai consolidata e, prima che sia troppo tardi, e che le generazioni future subiscano i nostri errori, è bene che tutti i Paesi mettano freno alle emissioni di gas responsabili dell’effetto serra, tra cui il biossido di carbonio (Co2).

Nonostante gli Stati Uniti siano stati tra i pochi Paesi a non aderire al “Protocollo di Kyoto” (accordo internazionale per contrastare il  riscaldamento globale) e che siano purtroppo ai primissimi posti per quantità di gas serra emessi, pare che la loro attenzione nei confronti del Pianeta e sul tema del contrasto al cambiamento climatico stia divenendo sempre più viva.

Infatti, proprio in questi giorni, il Presidente Obama ha annunciato un “piano per la protezione per l'ambiente” il Clean Power Plan, elaborato con l’EPA (United States Environmental Protection Agency), che verrà presentato a Parigi il prossimo dicembre 2015 alla conferenza ONU sui cambiamenti climatici. Il piano prevede la riduzione delle emissioni del settore energetico del 32% entro il 2030, ogni Stato potrà decidere autonomamente come arrivare all’obiettivo e dovrà presentare un Piano entro il 2018. Il progetto, ambizioso ed assolutamente auspicabile, ha già suscitato entusiasmi tra gli ambientalisti ma anche polemiche sul fronte industriale e politico.

In attesa che questi progetti possano dare i loro frutti e che ci sia uno sforzo mondiale e concreto per combattere i “gas serra”,  gli amanti del turismo eco-friendly troveranno negli Stati Uniti un ventaglio di proposte niente male! Preparate la vostra autorizzazione ESTA e date un’occhiata a queste idee!

Nella foresta tropicale di St. Croix, nelle Us Virgin Islands si trova la Ridge to Reef Farm, l’unica fattoria organica certificata alle Vergini, che ha impostato una coltivazione agricola strategica e diversificata fornendo un’esplosione di prodotti organici ai mercati locali. Imperdibile il tour con Veronica Gordon, una nativa di settima generazione esperta di medicina tradizionale a base di erbe. E’ possibile pernottare presso la fattoria dove l’energia solare fornisce in ogni singolo alloggio. L’alimentazione offerta è completamente organica, direttamente coltivata in loco e preparata nelle cucine della comunità rurale.

Sul Monte Rainer, nello stato di Washington, si trova la popolare Cedar Creek Tree House. Si tratta di un cottage costruito sopra cedro rosso di 200 anni. Sarà possibile praticare birdwaching, bagnarsi e pescare trote praticamente “sotto casa” o semplicemente rilassarsi in mezzo alla natura. Ma Cedar Creek non è l’unica “casa sull’albero” negli Usa: su Airbnb si possono trovare altre proposte simili!

Se non sappiamo rinunciare al lusso ma teniamo all’ambiente, pianifichiamo una visita all’Hyatt at Olive 8, a Seattle.  Il risparmio energetico gli è valso un riconoscimento internazionale, nonostante sia ubicato in pieno centro città. Particolarità: tutti gli ospiti che giungono in albergo con l'auto elettrica hanno diritto a non pagare il parcheggio. Anche presso l’Inn by the Sea di Cape Elizabeth nel Maine troverete il lusso perfettamente coniugato con il rispetto per l’ambiente: resort di alto livello che si affaccia sull'Oceano, immerso in giardini e rare piante dove trovano residenza esemplari unici di farfalle e insetti. Molti materiali sono riciclati e riciclabili e si porta avanti il valore della comunità valorizzando i produttori ed artigiani locali.

Agli amanti della natura più selvaggia e della sostenibilità suggeriamo di dare un’occhiata al Sadie Cove Wilderness Lodge, ad Homer, in Alaska, dove il visitatore non deve “lasciare traccia”. L’esclusivo resort neo-ecologico con appena 12 posti letto è raggiungibile solo con barca, idrovolante o elicottero. Gli alloggi sono stati realizzati con legname galleggiante e per ogni ospite che arriva viene piantato un alberello. La struttura è alimentata esclusivamente da un sistema di energia alternativa di origine eolica e idroelettrica. Il Sadie Cove è compreso tra le 10 mete più eco-sostenibili del Nord America ed è stato vincitore dell’United States' Leading Green Resort 2012.

Fare una scelta eco-friendly anche in una vacanza può renderci meno dannosi nei confronti di un bene così prezioso com’è l’ambiente. Speriamo quindi di avervi dato qualche suggerimento “verde” per il vostro viaggio negli Stati Uniti, ricordandovi di richiedere l’autorizzazione ESTA e di verificare che il passaporto non sia scaduto!