Star left BLOG ARTICOLO Star left

Olimpiadi di Rio 2016: esenzione temporanea dal Visto per USA, Canada, Giappone e Australia.

Posted: Jun 22, 2016

Ormai se ne parla da un bel po’ e finalmente tra qualche settimana lo sport mondiale sarà totalmente coinvolto nell’evento più atteso: avrà inizio la XXXI edizione dei Giochi Olimpici RIO 2016 e la XV edizione delle Paralimpiadi! Infatti, dal 5 agosto 2016, in cui avrà luogo la cerimonia di apertura presso il mitico Maracanà, al  21 agosto 2016, si svolgeranno a Rio de Janeiro i Giochi Olimpici e dal 7 settembre al 18 settembre 2016, sempre a Rio, le Paralimpiadi.

Quelle del 2016 sono le prime Olimpiadi della storia che si svolgeranno in Sud America e in un Paese, il Brasile, che già di per sé attira ogni anno migliaia di turisti. L’Ufficio del Turismo Brasiliano prevede un flusso di 500.000 turisti, oltre a 206 delegazioni straniere con 10.500 atleti che darà un'enorme visibilità al Paese, con coperture mediatiche globali: in quasi ogni casa del mondo un televisore sarà acceso su questo evento e quindi sul Brasile! Circa 7 milioni di biglietti sono stati messi in vendita, di cui più della metà offerti a un prezzo inferiore ai 30 dollari, così da consentire a tutti di partecipare all’evento.

Un’occasione davvero ghiotta, questa, per il governo brasiliano per dare un bell’impulso al settore del turismo grazie alla consapevolezza che, anche al di fuori del turismo olimpionico, questo sarà un anno particolarmente importante per favorire l’economia del Paese.

Per favorire e incentivare l’afflusso di tanti visitatori, il governo brasiliano ha stabilito un ambizioso programma turistico e ha apportato delle modifiche “ad hoc” nell’ambito delle modalità d’ingresso nel Paese: ha infatti approvato un’estensione al proprio Programma d’esenzione dal visto per un periodo di 90 giorni, dal 1 giugno al 18 settembre, per incentivare il turismo proveniente da Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia. La legge mira soprattutto a incentivare l'ingresso di turisti statunitensi che dopo gli argentini, con circa seicentomila presenze all'anno, sono i più assidui visitatori del paese sudamericano.

Normalmente, infatti, i visitatori provenienti da questi quattro Paesi, avrebbero avuto bisogno di un Visto d’ingresso da richiedere presso l’Ambasciata o il Consolato, con il pagamento di una tassa fino a 160 $ e con una lunga serie di documenti da presentare. Gli Stati Uniti, per esempio, nonostante rappresentino una tra le fette più cospicue di visitatori del Brasile, non sono esentati dal presentare un Visto e sono normalmente sottoposti ad una trafila burocratica: adesso, grazie a questo provvedimento seppur temporaneo, anche gli Americani potranno godere dei benefici di cui già godono 86 Paesi esentati dal Visto (tra cui gli Stati Europei).

Indubbiamente questo provvedimento favorirà l'economia brasiliana, infatti, si prevede che grazie a questa iniziativa il ritorno economico sarà di circa il 60% maggiore della Coppa del Mondo del 2014, tenutasi sempre in Brasile. Durante i mondiali 2014, nel mese di giugno, l'afflusso di turisti fu il triplo dello stesso mese del 2013, e per le Olimpiadi si prevede di incrementare ulteriormente queste cifre.

 

Che cosa prevede l’esenzione temporanea dal Visto per Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia?

Il programma di esenzione da Visto “temporaneo” adottato dal governo brasiliano differisce da quello in vigore negli Stati Uniti (“Visa Waiver Program”), vediamo in cosa:

Negli Stati Uniti: il Programma "Viaggio senza Visto" (Visa Waiver Program) consente ai cittadini di 38 Paesi di recarsi negli Stati Uniti per turismo o affari per un periodo non superiore ai 90 giorni senza dover ottenere un visto, qualora abbiano tutti i requisiti necessari per partecipare al Programma. I viaggiatori che intendono recarsi negli USA nell'ambito del Programma "Viaggio senza Visto" devono ottenere un'autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization) PRIMA di salire a bordo del mezzo di trasporto prescelto. Una volta ottenuta l’autorizzazione ESTA (massimo 48h dalla sua richiesta) si potrà viaggiare negli Stati Uniti per un massimo di 90 giorni e l’autorizzazione avrà una durata di 2 anni oltre i quali sarà necessario richiedere nuovamente l’ESTA in caso di viaggio negli USA (si dovrà fare nuovamente richiesta anche nel caso in cui il passaporto scada entro i due anni di durata dell’ESTA).

In Brasile: l’esenzione temporanea dal Visto approvata per Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia invece consente di entrare in Brasile direttamente (ovviamente se in possesso di passaporto valido!), così come i visitatori provenienti dagli altri 86 Paesi esenti da visto a fini del turismo. Il periodo massimo di soggiorno in Brasile a scopo di turismo è di 90 giorni ogni 180 giorni. Anche per i beneficiari di questa esenzione temporanea vale comunque la possibilità che, al momento dell’ingresso, la Polizia Federale possa riservarsi il diritto di chiedere la dimostrazione dei mezzi di mantenimento per il periodo di permanenza in Brasile, tramite somme di denaro contante, travellers cheques oppure carte di credito con data di scadenza superiore al periodo massimo di soggiorno che il viaggiatore può richiedere.

E’ interessante notare come il pretesto delle Olimpiadi non sia esclusivo per poter godere dei benefici dell’Esenzione da Visto. Non è infatti richiesta alcuna dimostrazione di partecipazione ai Giochi Olimpici, (come il possesso di biglietti di entrata alle manifestazioni), chiunque potrà invece entrare nel Paese per qualsiasi destinazione turistica e non necessariamente a Rio de Janeiro, sede primaria degli eventi olimpici, purché l’ingresso avvenga nel periodo compreso tra il 1 giugno e il 18 settembre e la permanenza non sia superiore ai 90 giorni.

Già dal 19 settembre le regole d’ingresso nel Paese riprenderanno le consuete procedure e per i viaggiatori diretti in Brasile e provenienti da USA, Giappone, Canada ed Australia sarà nuovamente necessario intraprendere l’iter burocratico di richiesta del Visto presso Ambasciate e Consolati.

 

Alcune novità di questa edizione

Come in ogni edizione olimpica ci saranno delle novità, prima fra tutte l’introduzione di due nuovi sport. Il golf mancava da oltre un secolo (era presente nel 1900 a Parigi e nel 1904 a Saint Louis) e stavolta assegnerà medaglie. Torna anche il Rugby ma in un'inedita forma di gara fra squadre di sette elementi, che non esiste in nessun campionato. Gli sport saranno quindi 28, con 42 discipline, per assegnare 297 medaglie. Come sempre l'atletica leggera la farà da padrone, con ben 47 medaglie da assegnare. Segue il nuoto con 32 e il ciclismo con 18.

I Giochi Olimpici e Paralimpici del 2016 utilizzeranno una serie di strutture, in parte esistente e in parte costruite da zero. La maggior parte degli eventi si terrà a Barra da Tijuca, che ospiterà anche il villaggio olimpico. Gli altri eventi saranno concentrati in tre diverse zone: Copacabana, Maracanã e Deodoro. Gli unici eventi a svolgersi fuori città saranno alcune partite di calcio.

Un felino giallo per le Olimpiadi e un albero Verde e azzurro per le Paralimpiadi saranno le mascotte: il felino giallo, Vinicius, è la mascotte delle Olimpiadi  e rappresenta gli animali che si trovano nei dintorni di Rio de Janeiro;  Tom, l’albero verde-azzurro è invece la mascotte delle Paralimpiadi  e simboleggia la ricchezza delle piante e delle foreste di Rio e dintorni.  I nomi delle mascotte derivano da quelli di due famosissimi musicisti brasiliani, Vinicius de Moraes e Tom Jobim.

Adesso non ci resta che aspettare il 5 agosto 2016 con la cerimonia di apertura al Maracanà (che ci riserverà di certo forti emozioni) e prepararci a settimane che avranno come protagonista lo sport mondiale e non solo, perché le Olimpiadi Rio 2016 metteranno in scena il meglio che la città ha da offrire sia sul piano turistico sia sportivo: ci attende una celebrazione dello sport ed un evento di portata immensa.