BLOG ARTICOLO

Il limite di 90 giorni dell’ESTA e perché è importante | aggiornamento per il 2018 |

Posted: Feb 27, 2018
limite-di-90-giorni-ESTA-viaggio

Il programma di esenzione da visto degli Stati Uniti consente ai cittadini di 38 paesi di richiedere un’ESTA, che consente loro di visitare gli Stati Uniti come turisti o per lavoro fino a 90 giorni alla volta.

Per chiunque debba trascorrere più di 90 giorni negli Stati Uniti, è importante procurarsi il visto corretto per le proprie esigenze, in quanto l’ESTA non può essere utilizzata in queste circostanze. Nella maggior parte dei casi, sarà sufficiente un visto B-1 o B-2 (rispettivamente visto turistico e visto commerciale). Tuttavia, ogni anno c’è un certo numero di titolari dell’ESTA che superano questo limite di 90 giorni, e qui daremo un’occhiata a quali sono le conseguenze e perché bisognerebbe evitare ciò.

Prima di tutto, vale la pena ricordare che il limite di 90 giorni è un periodo accettabile per l’esenzione da visto. Molti paesi in tutto il mondo offrono ai visitatori che soggiornano nel paese per questo periodo di tempo la possibilità di evitare il visto oppure di utilizzare un visto turistico. In effetti, nell’Unione europea la maggior parte dei paesi offre ai cittadini statunitensi tre mesi di permanenza nel territorio senza visto. Dato che l’ESTA è prevalentemente utilizzata da turisti o viaggiatori d’affari, 90 giorni è un periodo durante il quale tali viaggi possono essere conclusi. Un periodo più lungo di ciò susciterebbe sicuramente alcuni sospetti, poiché la maggior parte dei turisti non può prendersi tre mesi di riposo dalle solite attività, mentre per i viaggiatori d’affari sarebbe molto insolito superare questo periodo di tempo per congressi, conferenze e riunioni.

Sempre sul tema del viaggio d’affari, è importante chiarire qui cosa si definisce come viaggio “d’affari”. In sostanza, c’è una netta differenza tra lavorare negli Stati Uniti e viaggiare per lavoro. Se sei stato assunto da un’azienda statunitense negli Stati Uniti, allora ciò non rientra nel campo di applicazione dell’ESTA ed è necessario un visto. Se hai intenzione di fare volontariato negli Stati Uniti o se stai viaggiando per uno stage, ti serve un visto. Viceversa, se il tuo datore di lavoro ti sta mandando negli Stati Uniti per un incontro di lavoro con un cliente, l’ESTA è perfettamente accettabile. Lo stesso vale per fiere, conferenze, ecc. Come regola generale, se si viene pagati negli Stati Uniti per il lavoro svolto mentre si è lì, allora non si può viaggiare con il programma di esenzione da visto (il che è diverso da quando il tuo datore di lavoro a casa ti paga per il tempo trascorso negli Stati Uniti).

Quindi, tornando alla questione chiave, il limite di 90 giorni è in vigore per fornire tempo sufficiente ai turisti o ai viaggiatori d’affari per soggiornare negli Stati Uniti. Non appena entri nel paese, questo orologio parte e le autorità statunitensi possono vedere quando scade il periodo e quando lasci il paese. Se durante questo periodo visiti un territorio adiacente, ad esempio Canada, Messico o isole adiacenti*, l’orologio dell’ESTA continua a scorrere. Ad esempio, se trascorri dieci giorni negli Stati Uniti seguiti da dieci giorni in Messico e poi torni negli Stati Uniti, avresti speso 20 dei 90 giorni consentiti dal Programma di esenzione da visto. Questo non accade se ti rechi in altri paesi; ad esempio, se trascorri dieci giorni negli Stati Uniti seguiti da dieci giorni in Argentina e poi torni negli Stati Uniti, sostanzialmente l’orologio si resetterebbe e avresti di nuovo i 90 giorni completi. Tuttavia, in nessun caso i viaggi all’estero per “azzerare l’orologio” servono come soluzione alternativa per lavorare o vivere illegalmente negli Stati Uniti; gli agenti della polizia di frontiera presto se ne renderebbero conto e probabilmente in futuro ti verrebbe rifiutato l’ingresso nel paese.

Quindi, cosa succede se superi questi 90 giorni? Beh, niente all’inizio. Probabilmente continuerai a stare nel paese senza problemi per un po’ di tempo. Ovviamente, se dovessi incontrare le autorità, probabilmente verresti messo su un aereo verso casa. Tuttavia, il problema sorge davvero quando si tratta di viaggi futuri negli Stati Uniti. Se si superano i 90 giorni, anche solo per un giorno, non è più possibile viaggiare con il programma di esenzione da visto. Al suo posto, è necessario richiedere un visto, che è un processo molto più lungo e costoso. Potrebbe anche esserci un determinato periodo di tempo durante il quale non è ti consentito il viaggio.

Tuttavia, al di là degli effetti personali del superamento del limite di 90 giorni dell’ESTA, ci sono anche effetti macroscopici per il tuo paese. Per essere un paese membro del programma di esenzione da visto, esistono criteri molto rigidi. In generale, i paesi partecipanti sono considerati “ad alto valore e a basso rischio” e questo va di pari passo con una vasta gamma di parametri, fattori relativi ai diritti umani, ecc. Uno di questi parametri è il “tasso di sforo del periodo”, che è stabilito al 2% massimo. Inizialmente, quando un paese si candida a diventare membro del programma di esenzione da visto, che consentirebbe ai propri cittadini di richiedere l’ESTA, le autorità statunitensi controllano i tassi di sforo del periodo dei cittadini di quel paese che hanno visitato gli Stati Uniti con un visto. Di conseguenza, quando un paese è già membro del programma di esenzione da visto, i tassi di sforo del periodo dell’ESTA vengono monitorati ogni anno e la partecipazione al programma di ciascun paese viene continuamente rivalutata.

Nel 2016, su 21,6 milioni di visitatori che si sono recati negli Stati Uniti nell’ambito del programma di esenzione da visto, 147.272 hanno sforato le loro condizioni di ammissione (ossia i 90 giorni). I viaggiatori che hanno sforato i 90 giorni sono divisi in due categorie: “sfori al di fuori degli Stati Uniti” e “sfori nel paese”. Uno sforo al di fuori degli Stati Uniti si riferisce a un viaggiatore la cui uscita dal paese è stata registrata in una data che supera i 90 giorni dopo l’ingresso. Uno sforo nel paese si riferisce a persone che si ritiene siano ancora negli Stati Uniti dopo che i 90 giorni di calendario sono trascorsi. Per i paesi membri del programma di esenzione da visto, la percentuale di sfori totale è stata dello 0,68% per il 2016, mentre il tasso di sfori nel paese è stato dello 0,6%. Anche se i numeri nel complesso sono piccoli, il fatto che molti siano considerati trovarsi ancora negli Stati Uniti è problematico.

Gli stessi dati del 2016 rivelano che quattro paesi membri del programma di esenzione da visto hanno effettivamente superato il tasso massimo del 2% in quell’anno. Nello specifico questi paesi sono la Grecia (2,19%), l’Ungheria (2,75%), il Portogallo (2,42%) e San Marino (2,01%). Come accennato in precedenza, ci sono molti fattori che vanno a valutare l’appartenenza di un paese al programma di esenzione da visto, tuttavia questo è uno dei più importanti. Il superamento di questa percentuale per un anno non significa automaticamente l’esclusione dal programma, ma che si terranno discussioni serie e che i futuri livelli di sforo di questi quattro paesi saranno monitorati molto attentamente. Naturalmente, tutto ciò avviene in un contesto durante il quale l’immigrazione negli Stati Uniti viene tenuta sotto stretto controllo.

Infine, vale la pena chiarire che il limite di 90 giorni è per viaggio e non per l’intera durata dell’ESTA. La stessa ESTA ha una validità di 2 anni o quando scade il passaporto (a seconda di quale evento si verifica per primo). Ciò significa che i giorni trascorsi negli Stati Uniti durante la validità della tua ESTA non si accumulano, ma piuttosto sono specifici per ogni singolo viaggio. Tuttavia, come accennato in precedenza, gli agenti della polizia di frontiera degli Stati Uniti noteranno presto ripetuti lunghi soggiorni nel paese, pertanto non si deve abusarne. Il vantaggio di questo sistema è che non è necessario presentare domanda online dell’ESTA ogni volta che si desidera recarsi negli Stati Uniti, ma solo quando l’ESTA scade. Sebbene non sia in atto alcun processo di rinnovo dell’ESTA, puoi richiederla tutte le volte che vuoi e il processo di richiesta è semplice; è sufficiente compilare online il modulo di domanda dell’ESTA e riceverai lo stato di approvazione tramite e-mail entro 24 ore.

Se quest’anno andrai negli Stati Uniti, buon viaggio e non restare troppo a lungo...

* Le isole adiacenti in cui il tempo trascorso contribuirà al limite di 90 giorni dell’ESTA sono: Anguilla, Antigua, Aruba, Bahamas, Barbados, Barbuda, Bermuda, Bonaire, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Cuba, Curaçao, Dominica, Repubblica Dominicana, Grenada, Guadalupa, Haiti, Giamaica, Marie-Galantine, Martinica, Miquelon, Montserrat, Saba, Saint Barthelemy, Saint Christopher, Saint Eustatius, Saint Kitts-Nevis, Saint Lucia, Saint Maarten, Saint Martin, Saint Pierre, Saint Vincent e Grenadine, Trinidad e Tobago, Isole Turks e Caicos e altri territori o possedimenti britannici, francesi e olandesi che si affacciano sul Mar dei Caraibi.