BLOG ARTICOLO

Gli US impongono nuovi requisiti per i paesi in VWP

Posted: Feb 06, 2018
ESTA Updates

Come parte dei cambiamenti in corso all’interno dell’amministrazione Trump, gli Stati Uniti stanno cercando di rafforzare i confini e migliorare la sicurezza dei viaggi nel loro complesso. Di conseguenza, ciò ha portato a nuovi requisiti per i paesi in esenzione da visto.

Tali requisiti riguardano principalmente una maggiore condivisione delle informazioni e un monitoraggio più rigoroso delle minacce, in linea con il coerente rafforzamento delle misure di sicurezza negli Stati Uniti.

I paesi in esenzione da visto sono Stati membri del „Programma di esenzione da visto”. Allo stato attuale 38 paesi partecipano al programma, che consente ai loro cittadini di richiedere l’ESTA - il “Sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio”. L’ESTA è una forma alternativa di autorizzazione di viaggio, che elimina la necessità di un visto e facilita i viaggi per turismo e affari. Il processo di domanda avviene interamente online ed è estremamente interessante per milioni di viaggiatori ogni anno.

I vantaggi dell’ESTA la rendono molto nota tra i milioni di visitatori che ogni anno si recano negli Stati Uniti. Essa permette alle persone di recarsi negli Stati Uniti come turista o per lavoro, per periodi fino a 90 giorni alla volta. Di conseguenza, funziona come un’ottima alternativa al tradizionale visto statunitense, che comporta lunghi periodi di attesa, costosi processi di domanda e incontri di persona nelle ambasciate o nei consolati degli Stati Uniti. È importante capire, tuttavia, che i cittadini dei paesi membri del Programma di esenzione da visto devono comunque richiedere l’autorizzazione di viaggio e non ricevono automaticamente questa esenzione.

Tuttavia, il Programma di esenzione da visto non è un club dal facile accesso. In sostanza, i paesi che sono autorizzati ad aderire sono considerati “ad alto valore” e “a basso rischio”, pertanto i loro cittadini non vengono controllati nello stesso modo in cui lo sono i richiedenti di un visto. Detto questo, uno screening approfondito viene comunque effettuato, ma in modo automatico. Per questo motivo ci sono requisiti molto severi per permettere ai paesi di aderire al Programma di esenzione da visto. Affinché i paesi possano aderire al Programma di esenzione da visto, devono rispettare determinati parametri relativi a diritti umani, livelli del PIL, livelli di conformità con la legge sull’immigrazione degli Stati Uniti, statistiche sugli sfori di periodo di soggiorno e tassi di accettazione/rifiuto dei visti.

Oltre al tasso di accettazione/rifiuto dei visto, la partecipazione al Programma di esenzione da visto dipende da alcuni fattori all’interno del paese richiedente. Per qualificarsi per il programma, i paesi devono avere un “elevato indice di sviluppo umano”, che incorpora fattori come l’aspettativa di vita, gli anni di scolarizzazione, il reddito nazionale lordo pro capite, ecc. Il paese deve avere un’economia ad alto reddito, un basso livello di frodi dei passaporti, rigorosi requisiti di sicurezza del passaporto (sistemi biometrici di passaporto), numero molto basso di cittadini che sforano il periodo di validità del visto, solido sistema di antiterrorismo, delle forze dell’ordine e di controllo delle frontiere, tra le altre entità di sicurezza.

Inoltre, l’adesione al Programma di esenzione da visto non è una cosa permanente ed è costantemente verificata. In passato alcuni paesi si sono visti revocare l’adesione al Programma di esenzione da visto; l’Argentina e l’Uruguay sono state rimosse dal programma a seguito dei loro crolli finanziari all’inizio del XXI secolo. A causa delle crisi, gli Stati Uniti temevano che ci potesse essere un aumento dell’immigrazione da quei paesi verso gli Stati Uniti, cosa che sarebbe più facile da fare illegalmente attraverso il Programma di esenzione da visto. E così, come parte di questo processo di monitoraggio costante, anche i requisiti stessi vengono aggiornati di volta in volta.

I 38 paesi che attualmente partecipano al Programma di esenzione da visto dovranno ora utilizzare le informazioni di anti-terrorismo degli Stati Uniti per esaminare i viaggiatori che attraversano i loro confini da altri paesi. Ciò fa parte dei requisiti preesistenti per condividere informazioni con gli Stati Uniti. In effetti, la necessità di condividere le informazioni sulla sicurezza è una componente fondamentale del Programma di esenzione da visto. Ciò è in parte dovuto al fatto che, quando si richiede l’ESTA online, il processo automatico comprende una verifica incrociata dei propri dati nei database condivisi tra gli stati membri del Programma di esenzione da visto.

Gli Stati Uniti inizieranno anche a valutare in che misura i paesi si proteggono dalle minacce alla sicurezza aerea. Ciò comporterà garantire che i paesi membri esaminino a fondo i dipendenti degli aeroporti. A questo proposito, i funzionari dell’amministrazione degli Stati Uniti hanno affermato che alcuni paesi membri già rispettano questi requisiti e che si aspettano che altri paesi si adeguino volontariamente ai nuovi requisiti. Gli Stati Uniti non vogliono terminare all’appartenenza al Programma di esenzione da visto per nessun paese, poiché è reciprocamente vantaggioso, tuttavia hanno chiarito che questa sarebbe l’ultima risorsa per garantire la massima sicurezza per i cittadini statunitensi.

Una delle cose che gli Stati Uniti controllano sono i tassi di approvazione dei visti e un altro parametro sono i cittadini che rimangono nel paese più a lungo di quanto il programma lo consenta. L’anno scorso quattro paesi hanno registrato tassi di sforo del periodo pari ad almeno il due percento: l’Ungheria, la Grecia, il Portogallo e San Marino. È già in vigore una sanzione per le persone che superano il limite di 90 giorni in vigore con il Programma di esenzione da visto, ovvero la possibilità di non poter più viaggiare una seconda volta senza visto. Tuttavia, quando gli Stati Uniti osservano che questo fenomeno si svolge su una scala più ampia per un’alta percentuale di cittadini di un determinato paese, è importante che adottino misure per rettificare la situazione alla fonte. In questo caso, gli Stati Uniti chiedono a questi paesi di lanciare campagne di informazione pubblica per informare i loro cittadini in merito al Programma di esenzione da visto, come funziona e quali sono le conseguenze della violazione delle sue condizioni. Possiamo essere certi che questi paesi e l’attuazione di tali campagne saranno attentamente monitorati, allo scopo di valutare costantemente la loro partecipazione al programma.

Ovviamente, oltre ai requisiti che i paesi devono rispettare per rimanere parte del Programma di esenzione da visto, è anche importante che i singoli cittadini aderiscano alle condizioni. Prima di tutto, la persona che si reca negli Stati Uniti con il Programma di esenzione da visto non può lavorare mentre si trova nel paese, che sia pagata o altro. L’eccezione a ciò è se stai viaggiando “per lavoro”, per cui il tuo datore di lavoro ti sta mandando negli Stati Uniti per una conferenza, una riunione, ecc. Quello che non puoi fare mentre ti trovi nel paese è svolgere un lavoro come se fossi un cittadino statunitense.

La seconda condizione principale è che non devi trascorrere più di 90 giorni negli Stati Uniti durante un singolo viaggio che effettui nell’ambito del Programma di esenzione da visto. Non appena trascorri 91 giorni negli Stati Uniti con la tua ESTA, stai violando le condizioni del programma e probabilmente in futuro non ti sarà concesso di tornare negli Stati Uniti nell’ambito del Programma di esenzione da visto.

È anche importante evidenziare l’altro arco temporale importante associato all’ESTA, che è la sua validità. Il periodo di validità di un’approvazione ESTA è generalmente di due anni, ma mai oltre. Questi due anni iniziano non appena ricevi l’approvazione ESTA, che ti viene inviata tramite e-mail, e la data di scadenza della validità viene chiaramente comunicata in questa e-mail. Tuttavia, è anche possibile che un’ESTA abbia un periodo di validità inferiore a due anni. Ciò avviene se il tuo passaporto scade entro i due anni successivi all’approvazione della tua ESTA. Questo perché la tua approvazione ESTA è strettamente legata al tuo passaporto, non a te come persona. Non appena il tuo passaporto raggiunge la data di scadenza, se hai un’ESTA valida fino a quel momento non potrai più utilizzarla con un nuovo passaporto. Invece, dovrai nuovamente richiedere l’ESTA online, seguendo la stessa procedura che hai effettuato la prima volta.

Richiedere l’ESTA online è una procedura semplice e tutto ciò che devi avere è il tuo passaporto e un metodo di pagamento. La domanda è soltanto un modulo online, nel quale dovrai fornire dettagli personali e informazioni sul tuo viaggio. Alcune di queste domande sono facoltative, mentre altre sono obbligatorie. La richiesta dura circa dieci minuti ed entro 24 ore scoprirai se sei stato approvato o meno. Utilizzando l’indirizzo e-mail fornito nella domanda, il tuo stato di approvazione ti viene inviato direttamente tramite e-mail, non c’è niente di più semplice.